Noè

Preso dalla calca dei numeri e dei nomi si destò e la massa del cuore fu alienata dal frastuono del vissuto suo sommerso in istanti fraudolenti quando neanche il corvo fece più ritorno. Fu mai preso dallo sconforto di fronte all’ira e alla gelosia di chi del tempo aveva fatto promessa e maledizione? Recato nel dispiacere del mondo, la sua scelta esemplare fu l’esatto completamento della fede nella quale trovò pieno ristoro e consolazione. Era lui la colomba con l’ulivo stretto al becco, esultante dopo i quaranta giorni di prova. Lui, colui che previde col suo annientamento il braccio destro del Signore.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…

Nell’urna spalancata dai cieli dei miei fenomeni

Vivo sepolto nel sorriso degli angeli e, a convissuto etere, la mia provvisorietà si eleva in te, regno che tutto…

Al silenzio coniugato

Fervo. Di quest’ora immota è l’infinità che brilla sul pentagramma dell’uomo al silenzio coniugato.