La Passione

Andò il giorno.
Contro di me si riversarono
le correnti del canale
falsando le direzioni che dentro lo vivevano,
l’appartenuto alla calma.
L’unguento mescolato all’acqua
coprì, come un drappo,
i miei umiliati occhi
che ritornarono umidi e spogli
alla loro infima, putrida esperienza.
Tralcio quasi strappato,
come l’uomo in balìa dei flutti
e perso nel suo immenso naufragio,
salii sul legno del mio ultimo canto.
Quale vignaiolo subì la mia passione,
nella condotta di un’esistenza trapassata,
lo compresi prima che il giorno andasse,
e ancor prima che le correnti del canale
sfigurassero l’appartenuto alla vite, a me.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Perfino i cieli tremano

Vorremmo affermare forse l’inascoltato, indi porgerlo presso l’inaudito e revocarne, infine, la sua giustizia sempre più pretesa dai clamori dei…

Il tacere, a nome dei tanti

Il tacere, a nome dei tanti. Poiché non destammo le mattutine stelle dalla matrice dell’alba, quale sogno credibile al sogno,…

In diramazioni coercitive di spiacevoli masse

Non una realtà inconsapevole né multiformi dimensioni distratte ebbero piacere nell’abitarvi, uomini. E se ad offuscarsi come smorte candele furono…

Tu spargi fiori abbrividendo mondi

E nei tuoi occhi ci scavalca così - premurosa, meglio forse non pensarla - l’idea dei nostri anni, che lungo…