Giuseppe (Sotto un cielo che piangeva stelle e carestia)

Non avrei mai potuto immaginare che mi odiavano fin da desiderare la mia morte. Io, ultimo figlio di un raccolto abbondante, ero già perduto mentre pascolavo i miei desideri e i miei anni, la mia ingenua promiscuità alla stessa vita…