Cantico dei Cantici

T’incontrai nella sua conoscenza e ponesti sul mio cuore il tuo sigillo e non fummo più nella sola unità. Così ingravidasti il pensiero che mai si alterò né si alternò nel tempo maturato dall’unione, luce che inalberò di puro pathos l’intelletto penetrato dall’anima. Che forse non avrei dovuto giubilare nel vederti in me, sorella, vergine, oh sposa, giardino prezioso e, per amor nostro, per sempre sigillato? Ecco, il frutto del nostro desiderio è sbocciato, cessata è la pioggia e l’inverno è passato. E come l’aquila che fende l’aria il nostro canto, amica mia, mia bella, amore forte più della morte, s’è già levato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Perfino i cieli tremano

Vorremmo affermare forse l’inascoltato, indi porgerlo presso l’inaudito e revocarne, infine, la sua giustizia sempre più pretesa dai clamori dei…

Il tacere, a nome dei tanti

Il tacere, a nome dei tanti. Poiché non destammo le mattutine stelle dalla matrice dell’alba, quale sogno credibile al sogno,…

In diramazioni coercitive di spiacevoli masse

Non una realtà inconsapevole né multiformi dimensioni distratte ebbero piacere nell’abitarvi, uomini. E se ad offuscarsi come smorte candele furono…

Tu spargi fiori abbrividendo mondi

E nei tuoi occhi ci scavalca così - premurosa, meglio forse non pensarla - l’idea dei nostri anni, che lungo…