Tra misericordia e sacrificio

«Misericordia io voglio e non sacrificio»
(Os 6, 6) (Mt 9, 13)

Agonizzo,
nel colpevole bacio
sudo azzurro sangue
e le figlie di Gerusalemme piangono.
Io, che sono io sempre,
avrei parole di pietra, in cuore alla gola,
per lapidare questo cielo di carne
pur di salvare un mondo
fasciato nella sua stessa tragedia.
E spiro, libero con lo spirito,
in quel pianto delle donne
snudato nel mio azzurro sangue,
figlio primogenito gradito al Verbo
nel quale sono stato generato,
affinché io, l’immolato
per l’umana redenzione e del creato,
agnello degno di potenza, gloria,
resurrezione, potere, regalità, onore,
in ogni luogo e per ogni creatura,
con costato sorridente
e voce ancor più delicata,
incida col mio cuore immacolato
la mia legge nelle leggi
tra misericordia e sacrificio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…

Nell’urna spalancata dai cieli dei miei fenomeni

Vivo sepolto nel sorriso degli angeli e, a convissuto etere, la mia provvisorietà si eleva in te, regno che tutto…

Al silenzio coniugato

Fervo. Di quest’ora immota è l’infinità che brilla sul pentagramma dell’uomo al silenzio coniugato.