Prendete e bevetene tutti

Affinché Egli accada bisogna compierlo, e per far si che ciò avvenga occorre puranche trasmetterlo, nella complessità del logos che principiò con la sua umana manifestazione. Beato colui che, ritornato dal fuoco intatto, berrà al seno dei dolori e delle infinite grazie il latte di quel divenire che lo condurrà, con l’ulivo al braccio, sull’elevata vetta del suo grande giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Nella esecuzione sprovveduta del censurato non essere

Troppa modernità. L’allegria non è più un vezzo degli uomini sempre più sorpresi dalle pochezze dei loro simili, i se…

In concentrati di gradualità eteree

Dei sistemi agglomerati e massimi lo sfinimento. Non basterà più l’aggiunta di valori affini all’estremismo quantico nelle dinamiche dei moti…

In fraudolente pause d’insonnia

In fraudolente pause d’insonnia la vita e la morte proseguono i loro disanimati comizi entrambe imputate ad indagare su chi,…

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi, le ombre dal precipizio immoto completano il rigurgito del mattino. Stelle, astri senza…