Per allegrare le vostre anime

Avete cancellato,
dove voi camminate,
le scoscese strade
e trapiantato
nel cuore vostro
un deserto potato nel fango,
il cui nome schiude in sé
fame, potere, sangue,
come stoppia bruciata
per allegrare le vostre anime,
instillate nel ventre sterile
dei più loschi affari.

Ipocriti e assassini,
della menzogna discepoli e figli:
col vostro modo di fare vile
avete reso impossibile,
a chi lo desiderava,
salire ogni gradino della via
per raggiungerne la vetta.
Così, per invidia e avidità,
non avete fatto altro
che distruggere, infamemente,
i sogni innocenti dei bambini
e acuire l’impurità degli uomini.

Può, forse, l’amore dimenticarsi dell’amore? No, io vi dico.
Guai a voi, però, che avete oppresso il suo mite, docile giogo
poiché, in verità, nel tempo prefissato per la mietitura,
sarete accecati dal fuoco, preparato sul vostro arido campo,
ove precipiterà l’accusatore con tutti i suoi angeli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…

Nell’urna spalancata dai cieli dei miei fenomeni

Vivo sepolto nel sorriso degli angeli e, a convissuto etere, la mia provvisorietà si eleva in te, regno che tutto…

Al silenzio coniugato

Fervo. Di quest’ora immota è l’infinità che brilla sul pentagramma dell’uomo al silenzio coniugato.