Il Sigillo

(1Cor 15, 54-57)

Perché separarmi da te, o morte,
se sono io il principio del tuo morire,
come sono io sempre la fine del tuo risveglio?

Mostrami, quindi, dov’è la tua potenza,
dacché dove la tua gloria implode
lì forma diedi al tuo fallimento.

Forte come il silenzio sei, o morte,
che tra le pure labbra dei tempi
ormai s’avvampa l’infero della tua passione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Nella esecuzione sprovveduta del censurato non essere

Troppa modernità. L’allegria non è più un vezzo degli uomini sempre più sorpresi dalle pochezze dei loro simili, i se…

In concentrati di gradualità eteree

Dei sistemi agglomerati e massimi lo sfinimento. Non basterà più l’aggiunta di valori affini all’estremismo quantico nelle dinamiche dei moti…

In fraudolente pause d’insonnia

In fraudolente pause d’insonnia la vita e la morte proseguono i loro disanimati comizi entrambe imputate ad indagare su chi,…

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi, le ombre dal precipizio immoto completano il rigurgito del mattino. Stelle, astri senza…