Nel globulo neutro della coscienza sfamata

Quando, privata del sonno
e dei suoi allori,
la cornea dell’esistenza
recepisce la sordità della sete
nel globulo neutro della coscienza sfamata,
accade il tempo di dentro
rielaborato in un’atlantica visuale.

Progenie di una dimensione inedita
esso è, nella reversibilità del tutto,
lo stigma dell’anima netta
elevato sopra la liquefazione
di quella materia che lo ha reso nucleo,
forma e specie, dell’insita distanza
tra l’innervato verbo e la cinetica dello spirito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Nella esecuzione sprovveduta del censurato non essere

Troppa modernità. L’allegria non è più un vezzo degli uomini sempre più sorpresi dalle pochezze dei loro simili, i se…

In concentrati di gradualità eteree

Dei sistemi agglomerati e massimi lo sfinimento. Non basterà più l’aggiunta di valori affini all’estremismo quantico nelle dinamiche dei moti…

In fraudolente pause d’insonnia

In fraudolente pause d’insonnia la vita e la morte proseguono i loro disanimati comizi entrambe imputate ad indagare su chi,…

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi, le ombre dal precipizio immoto completano il rigurgito del mattino. Stelle, astri senza…