Pausa

Pausa, fuoriuscita dalla velocità
di un assente convissuto di noia,
e null’altro.

Potremmo ingoiarne la sintesi
nell’ipogeo dinamico, elusivo,
dell’assoluto suo frangersi
a sferrata decurtazione dell’attimo.

Di substrati empirici superiori
posseduti dalla genealogia del tempo,
ghettizzata nell’anemico alveo
delle azioni più distorsive
affratellate alla dinamica golpista
ed euristica del pensiero,
emerge come seduttrice incrollabile
delle ghiandole morfinizzate
nella profusione dell’immigrato dramma.

Forse, ad evacuata clorofilla minerale,
potremmo coesisterle in un deflusso sapiente
retto dall’inflessione teoretica-fenomenologica
dotata di fluviali sperequazioni linguistiche.

E se la sua superfice magmatica
mutasse il ruolo percettivo, goniometrico,
di una reale, catalettica sostanza?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Per originare la domenica

Oh, follia degli eventi! Pochezza di ogni perduto istante. Sono giorni, questi, dove perfino il vetro suole respirare l’inzolfata aria…

Nell’irripetibile desiderio di esistere

Bisogna che tutto abbia un termine nell’irripetibile desiderio di esistere. Soltanto chi comprende l’esatta misura del soffio vitale viene attratto…

Per tanto amore incarnato

«Riverserò sopra la casa di Davide e sopra gli abitanti di Gerusalemme uno spirito di grazia e di consolazione: guarderanno…

Quanto più la gloria è matrigna degli uomini

Guarda: centinaia, migliaia di corpi che si muovono al suono del progresso, al tempo del corno. Alito smorto di un…