Pausa

Pausa, fuoriuscita dalla velocità
di un assente convissuto di noia,
e null’altro.

Potremmo ingoiarne la sintesi
nell’ipogeo dinamico, elusivo,
dell’assoluto suo frangersi
a sferrata decurtazione dell’attimo.

Di substrati empirici superiori
posseduti dalla genealogia del tempo,
ghettizzata nell’anemico alveo
delle azioni più distorsive
affratellate alla dinamica golpista
ed euristica del pensiero,
emerge come seduttrice incrollabile
delle ghiandole morfinizzate
nella profusione dell’immigrato dramma.

Forse, ad evacuata clorofilla minerale,
potremmo coesisterle in un deflusso sapiente
retto dall’inflessione teoretica-fenomenologica
dotata di fluviali sperequazioni linguistiche.

E se la sua superfice magmatica
mutasse il ruolo percettivo, goniometrico,
di una reale, catalettica sostanza?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce. In balìa della stagione, il vento suo, è la tempesta in fasce…

L’infanzia, talvolta

L’infanzia, talvolta, prevede un solo istante: essere.

Eccezione

Povero quell’uomo che possiede la violenza negli occhi e che la subisce. Io vi dico che ha già ricevuto la…

Gioia. Quale e quanta quando avanzasti nell’anima mia

Gioia. Quale e quanta quando avanzasti nell’anima mia, finanche nella mia carne, senza crear scompenso invano. Già, io che da…