Io sono innocente del sangue di lei

(Dn 13, 1-64)

Benché fosse poco più che un fanciullo fu chiamato ad esercitare la giustizia, in nome di quella legge così spesso traviata dagli uomini, giacché investito della sapienza divina. Ed in mezzo agli anziani, vecchio e nuovo sinedrio che non ascolta ragioni pur di condannare in modo veemente e rapido troppe volte l’incolpevole, brillò il diritto contro coloro che avevano indegnamente accusato Susanna, colei che sin da subito era stato frutto acerbo di una loro violenza, l’ennesimo abuso perpetrato durante la loro lunga esistenza. E su di essi cadde l’ira del popolo, subito dopo che fu svelata dei due uomini, pervertiti sino ad avere la menzogna del cuore agli occhi, la colpevolezza, la marcescenza dei loro pensieri. Non ella perì per mano degli uomini ma gli stessi due anziani dei quali fu provata tutta una vita di soprusi e di infamie e che, palesemente, quel giorno incarnarono la brutalità dei sinedri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Nella esecuzione sprovveduta del censurato non essere

Troppa modernità. L’allegria non è più un vezzo degli uomini sempre più sorpresi dalle pochezze dei loro simili, i se…

In concentrati di gradualità eteree

Dei sistemi agglomerati e massimi lo sfinimento. Non basterà più l’aggiunta di valori affini all’estremismo quantico nelle dinamiche dei moti…

In fraudolente pause d’insonnia

In fraudolente pause d’insonnia la vita e la morte proseguono i loro disanimati comizi entrambe imputate ad indagare su chi,…

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi, le ombre dal precipizio immoto completano il rigurgito del mattino. Stelle, astri senza…