Di massivo moto e di comprovata essenza

«Egli non era la luce, ma doveva render testimonianza alla luce.» (Gv 1, 8)

L’attesa, misteriosa tra le sostanze
che smuove l’attimo concependone la prova,
il silenzio, il dolore.

Specie manifesta sin dalla creazione,
assembra delle future gioie genetiche mutazioni,
brillando speranze.

Di massivo moto e di comprovata essenza
non solo all’esistere umano fu data in pegno,
divaricatrice di tempo.

Per quanti l’hanno accolta in genio
e grazia e pace e terra sarà la loro ricompensa,
spazio colmo di modestia.

Coloro che l’hanno sempre disprezzata
rendendola reietta e scabrosa per interesse losco,
otterranno la sua completezza.

Tutto e tutti hanno già ricevuto ed uno e cento
per la generazione che deriva dall’inerzia,
figlia seconda della presenza.

Come un fiume che a sprazzi vanga la valle
sarà considerata l’arco teso del vento,
la vera foce materna.

Sicché l’uomo possa insegnare al figlio che verrà,
in merito alla condizione degli elementi,
la sfera principe dei proverbi.

“La luce fa luce non dove fu luce.
Tuttavia, figliolo, non cercarla mai altrove.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

In diramazioni coercitive di spiacevoli masse

Non una realtà inconsapevole né multiformi dimensioni distratte ebbero piacere nell’abitarvi, uomini. E se ad offuscarsi come smorte candele furono…

Tu spargi fiori abbrividendo mondi

E nei tuoi occhi ci scavalca così - premurosa, meglio forse non pensarla - l’idea dei nostri anni, che lungo…

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…