Prima d’inarcarsi sul petto d’aprile

«Il giorno seguente, la gran folla che era venuta per la festa, udito che Gesù veniva a Gerusalemme, prese dei rami di palme e uscì incontro a lui gridando: Osanna! Benedetto colui che viene nel nome del Signore, il re d’Israele!» (Gv 12, 12-13)

Fummo destati dal sonno profondo
per l’accoglienza degli estranei
all’ingresso quasi timido
dell’inobliata e rigogliosa domenica.

Maturò l’ulivo dalle steppe inaridite
quando i lattanti rimisero il loro canto
nel grembo piatto delle pietre
stese oltre i numerosi mantelli di giubilo.

Così un uomo non lontano con l’età
prima d’inarcarsi sul petto d’aprile
trasceso nell’intimità dei mondi
descrisse quanto ancora c’è da scrivere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…

Nell’urna spalancata dai cieli dei miei fenomeni

Vivo sepolto nel sorriso degli angeli e, a convissuto etere, la mia provvisorietà si eleva in te, regno che tutto…

Al silenzio coniugato

Fervo. Di quest’ora immota è l’infinità che brilla sul pentagramma dell’uomo al silenzio coniugato.