Al contrario verso l’atto dovuto dagli opposti

(Is 55, 10-11)

Egli era tornato, nel suo petto la moltitudine degli astri si schiodava in un canto d’amore e di speranza.
O abisso che conosci dei cuori solo il fondo, o cielo che scruti il gran frastuono dei silenzi vegetali, lasciate che la sua parola non vaghi ad oltranza e che, al contrario verso l’atto dovuto dagli opposti, non ritorni prima di aver avuto pieno effetto e duplice compimento.
Come la pioggia che irriga i campi nella calura estiva il contadino rida del suo raccolto ed abbia inizio la fine, per sempre, dello strazio dei popoli per opera magna della loro principale condanna e si conti all’inverso l’affanno nella sua equazione perfetta mentre sferra il ritmo finale col respiro abbacinato all’inganno governato dal suo apice alla deriva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Nella esecuzione sprovveduta del censurato non essere

Troppa modernità. L’allegria non è più un vezzo degli uomini sempre più sorpresi dalle pochezze dei loro simili, i se…

In concentrati di gradualità eteree

Dei sistemi agglomerati e massimi lo sfinimento. Non basterà più l’aggiunta di valori affini all’estremismo quantico nelle dinamiche dei moti…

In fraudolente pause d’insonnia

In fraudolente pause d’insonnia la vita e la morte proseguono i loro disanimati comizi entrambe imputate ad indagare su chi,…

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi, le ombre dal precipizio immoto completano il rigurgito del mattino. Stelle, astri senza…