Al contrario verso l’atto dovuto dagli opposti

(Is 55, 10-11)

Egli era tornato, nel suo petto la moltitudine degli astri si schiodava in un canto d’amore e di speranza.
O abisso che conosci dei cuori solo il fondo, o cielo che scruti il gran frastuono dei silenzi vegetali, lasciate che la sua parola non vaghi ad oltranza e che, al contrario verso l’atto dovuto dagli opposti, non ritorni prima di aver avuto pieno effetto e duplice compimento.
Come la pioggia che irriga i campi nella calura estiva il contadino rida del suo raccolto ed abbia inizio la fine, per sempre, dello strazio dei popoli per opera magna della loro principale condanna e si conti all’inverso l’affanno nella sua equazione perfetta mentre sferra il ritmo finale col respiro abbacinato all’inganno governato dal suo apice alla deriva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…

Nell’urna spalancata dai cieli dei miei fenomeni

Vivo sepolto nel sorriso degli angeli e, a convissuto etere, la mia provvisorietà si eleva in te, regno che tutto…

Al silenzio coniugato

Fervo. Di quest’ora immota è l’infinità che brilla sul pentagramma dell’uomo al silenzio coniugato.