Sòdoma e Gomorra

(Is 1, 10-17)

Benvenuto dove l’altrove e l’indicibile sono folti di vissuto per l’illimitata vicinanza. E se sparse lacrime si nascondono per l’arso tormento, per l’astro dell’inquietudine, vieni e vedi come il parto dei più desueti sorrisi diviene una rosea logica di sistemi da apprendere all’estivo plenilunio, quando vari sono i sacrifici soppressi e inutili risultano i lamenti che nel ventre del vuoto nascondono i sentieri più indegni ed infami.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Quei nostri baci che le potenze tutte acclamano

No. Non saranno intarsiate fandonie a logorare la bellezza che come acqua viva dal tuo petto sgorga. Non avrà diritto…

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce. In balìa della stagione, il vento suo, è la tempesta in fasce…

L’infanzia, talvolta

L’infanzia, talvolta, prevede un solo istante: essere.

Eccezione

Povero quell’uomo che possiede la violenza negli occhi e che la subisce. Io vi dico che ha già ricevuto la…