Grazia piena

Invano ci esaltiamo nella ressa dei fremiti, delle passioni e dei nomi. Dovremmo considerarci per quello che siamo: esseri, spesso senza essere, che dotati puranche dell’intelletto non sfruttiamo quasi mai appieno delle potenzialità derivanti dall’uso appropriato dello stesso. È pur vero, però, che risulta doveroso tracciare uno spaccato tra l’entità e la creatura. Oh, chi mai, se non dei piccoli vermiciattoli quali siamo, potrebbe non intuire l’indicibile sosta tra di noi della Bellezza, la grazia piena che, tutta, all’uomo va’ talvolta incontro per adornarlo di momentanea beatitudine, di quello stupore così antico che, proprio per quella fattispecie di sospensione della meraviglia, al tempo è così nuovo? E chi, dunque, appropriandosi di tanto dono può deviare dall’incontro con la Madre di ogni sapienza, di Colei che fin dal seno del principio fu concepita Immacolata? Guarda, cuore mio, mira. Sono proprio questi gli attimi, le frazioni di tanto amore che, anche nei tempi e nei moti umani più bui, riescono a dare all’essere lo stesso essere, facendolo divenire possesso della celeste infinitudine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

In diramazioni coercitive di spiacevoli masse

Non una realtà inconsapevole né multiformi dimensioni distratte ebbero piacere nell’abitarvi, uomini. E se ad offuscarsi come smorte candele furono…

Tu spargi fiori abbrividendo mondi

E nei tuoi occhi ci scavalca così - premurosa, meglio forse non pensarla - l’idea dei nostri anni, che lungo…

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…