Per redimere un mondo prossimo in seno al tuo Spirito

Semplice, come
l’innocenza che dall’anima tua
sgorga in infinite sorgenti
di umiltà e candore.
Innocenza che bissa
quel dolore nella quale
l’anima si annulla
trafitta dall’umana spada
della diversità,
innocenza che stringe
a sé l’incapacità del prossimo
nell’amare trasformandola
in presenza di grazia.
Elevata,
destinata dal Padre
a incarnarti nella voce
dello stesso cuore
quando, nel battesimo
del tuo Figlio,
sorgente d’innocenza e
di anima,
ti sei stupita in silenzio
nel compiacimento posto
in Egli. Tu, protezione
divina, abbracciata
alla maternità di tutti i tempi
per redimere un mondo prossimo
in seno al tuo Spirito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce. In balìa della stagione, il vento suo, è la tempesta in fasce…

L’infanzia, talvolta

L’infanzia, talvolta, prevede un solo istante: essere.

Eccezione

Povero quell’uomo che possiede la violenza negli occhi e che la subisce. Io vi dico che ha già ricevuto la…

Gioia. Quale e quanta quando avanzasti nell’anima mia

Gioia. Quale e quanta quando avanzasti nell’anima mia, finanche nella mia carne, senza crear scompenso invano. Già, io che da…