Nel ventre atomizzato per la caotica natività

Andare,
affannando d’altrove
in petto l’alba
masticante i nostri passi,
nei rumori flessi
giù nel ventre atomizzato
per la caotica natività.
E questo è il dovere del suono, che mai s’interpone al motore catartico della temporalità nel movimento atipico dei suoi nomi.
Adagio,
lavorando i luoghi
nei crepuscoli epici
coadiuvanti le nostre atmosfere,
costernare gli anni
sulle molteplicità delle insonnie
per afferrarne l’affinità.
E questo è il diritto della parola, seme fortificato in potenza e cinetica dalla propria liceità nella fenomenale gradualità dei numi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…

Nell’urna spalancata dai cieli dei miei fenomeni

Vivo sepolto nel sorriso degli angeli e, a convissuto etere, la mia provvisorietà si eleva in te, regno che tutto…

Al silenzio coniugato

Fervo. Di quest’ora immota è l’infinità che brilla sul pentagramma dell’uomo al silenzio coniugato.