Oltre la svestizione umana della rinsavita coscienza

Essere. Lontananza in estasi,
frammenti di rivoli
che attraversano le curve dell’anima,
nuvola di un etere intatto
da risvelare come l’attimo mai ponderato al giorno.
Gli insonni lavano alacremente
i propri ordini, le gradualità delle abitudini,
le matrici ovattate dei controlli,
per sublimare la controffensiva delle lingue,
bui che penetrano le anestesie dei drappelli della morte.
Dormiente il fato che non vi dà conforto:
avanti, march. Rimbalzi di un greve passo,
adunate senza lungimiranza di memoria;
qui, dove il contatto si dona all’indifferente,
coesiste nuovo, nel cigolio lubrificato dall’aria deflessa,
oltre la svestizione umana della rinsavita coscienza,
il pianto depauperato delle cose ingenerate
sui lievitanti altipiani mietuti dal non ritorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…

Nell’urna spalancata dai cieli dei miei fenomeni

Vivo sepolto nel sorriso degli angeli e, a convissuto etere, la mia provvisorietà si eleva in te, regno che tutto…

Al silenzio coniugato

Fervo. Di quest’ora immota è l’infinità che brilla sul pentagramma dell’uomo al silenzio coniugato.