Le verità mosse

Che sia l’evento a rendere meraviglioso un traguardo o viceversa? Indubitabilmente l’esistenza impone i suoi affollati travagli, tanto da poter afferrare un concetto che apre i nostri orizzonti al consolidamento dei fenomeni. Concepire, atto derivante da un insieme di logiche dal crepuscolo naturale, è un dovere non solo morale. Siamo il frutto di una duplice placenta, incamerata nel grembo dell’istante, che ci rende madri, la quale dona il suo frutto a quel feto affidatole dalla concordia. E l’afflato. Questo motore genealogico che mai dirige i propri prodigi oltre i limiti dei sentimenti, luoghi dalla semplicità perfetta e sopraggiunti a noi, creature così fragili, per il conferimento di quella grazia che non allinea i propri benefici in sequenze diseguali, è una delle verità mosse dai misteri del rinascimento disciplinati dalla dovizia dell’arcano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…

Nell’urna spalancata dai cieli dei miei fenomeni

Vivo sepolto nel sorriso degli angeli e, a convissuto etere, la mia provvisorietà si eleva in te, regno che tutto…

Al silenzio coniugato

Fervo. Di quest’ora immota è l’infinità che brilla sul pentagramma dell’uomo al silenzio coniugato.