La rassegna spirituale che ho insufflato nel tuo respiro

Lo sguardo altero, certo di chissà quale sé, deponi. Indossa le armi della solitudine e del silenzio. Ho desiderio, un gran desiderio di parlarti e so che tu saprai, vorrai ascoltare ciò che il necessario in me s’interpreti nella tua abbondante fede. No. Non sarà tua necessità estinguere il passato per attingere al nuovo poiché io sono il primo e l’ultimo, colui del quale sta inscritto nella sostanza fragorosa dell’anima che ti esiste e che in te smuove tutto a vita per l’abbondanza dei suoi frutti. Tu piangerai e ne trarrai vino nuovo, soffrirai e avanzerà pane per le nuove generazioni. E queste non altro saranno che la incarnazione delle mie parole, la rassegna spirituale che ho insufflato nel tuo respiro, quello stesso anelito che in me vive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Nella esecuzione sprovveduta del censurato non essere

Troppa modernità. L’allegria non è più un vezzo degli uomini sempre più sorpresi dalle pochezze dei loro simili, i se…

In concentrati di gradualità eteree

Dei sistemi agglomerati e massimi lo sfinimento. Non basterà più l’aggiunta di valori affini all’estremismo quantico nelle dinamiche dei moti…

In fraudolente pause d’insonnia

In fraudolente pause d’insonnia la vita e la morte proseguono i loro disanimati comizi entrambe imputate ad indagare su chi,…

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi, le ombre dal precipizio immoto completano il rigurgito del mattino. Stelle, astri senza…