La fenomenica modifica dell’identico e dell’eguale

Venga a noi la materia con tutto il suo trascorso visivo e sia la sua orfanezza mnemonica la nostra orbita claustrale. Il tempo che abbiamo stillato dai nostri spazi ha smosso le sequenze ambiziose dei limiti, non solo storici, di un divenire scienza della particola metafisica e alimento per l’intera umanità. Così, a favore delle teorie che gravano sull’ascendere e sul discendere dell’anelare alla perpetuità della creazione, poiché fatti simili a dei, non abbiamo moltiplicato azioni atte a rilevare insonni e luminosi sforzi per la fenomenica modifica dell’identico e dell’eguale. Attingeremo dal vivo zampillio del suono il principio, la durata, per la trascesa ragione d’essere a simbolo della parola?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Per originare la domenica

Oh, follia degli eventi! Pochezza di ogni perduto istante. Sono giorni, questi, dove perfino il vetro suole respirare l’inzolfata aria…

Nell’irripetibile desiderio di esistere

Bisogna che tutto abbia un termine nell’irripetibile desiderio di esistere. Soltanto chi comprende l’esatta misura del soffio vitale viene attratto…

Per tanto amore incarnato

«Riverserò sopra la casa di Davide e sopra gli abitanti di Gerusalemme uno spirito di grazia e di consolazione: guarderanno…

Quanto più la gloria è matrigna degli uomini

Guarda: centinaia, migliaia di corpi che si muovono al suono del progresso, al tempo del corno. Alito smorto di un…