Il Germoglio

– Stillate, cieli, dall’alto e si apra la terra –

(Is 45, 8.23; Lc 7, 19-23)

L’attesa fu sconvolta. Non furono parole semplici a compiere questo plenilunio di antiche promesse ma l’enormità delle opere. Così l’unione prese la mano di entrambi come mai prima d’allora era accaduto e, attraverso il bacio degli avvenimenti, ebbe inizio il nuovo. Mandato egli mandò e il dubbio, la paura, la speranza, divennero l’avvento della ottemperata ricongiunzione al petto a due volti, ove da sempre stilla la fonte viva dell’acqua inseparata dal cielo. S’era davvero aperta la terra, il germoglio spuntato aveva messo le sue potenti radici e la rugiada, aprendo gli occhi di molti, realizzò la dualistica esistenza della concezione. Colui che fece dell’aria lo sgabello della propria parola frastornò, con la guarigione, l’umanità delle anime nella successione del fuoco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…

Nell’urna spalancata dai cieli dei miei fenomeni

Vivo sepolto nel sorriso degli angeli e, a convissuto etere, la mia provvisorietà si eleva in te, regno che tutto…

Al silenzio coniugato

Fervo. Di quest’ora immota è l’infinità che brilla sul pentagramma dell’uomo al silenzio coniugato.