Dovremmo imparare ad ascoltare la voce del nuovo

Dovremmo imparare ad ascoltare la voce del nuovo.
Un linguaggio diverso, prestabilito all’inizio del tempo, quando erano gli angeli ad affermare lo spazio, riempiendolo dei loro cori da dominazioni a dominazioni, intimità rivelate ai semplici. Pochi, oggi, credono alla voce generata dal cuore. Eppure, quelle fluide unità plasmano il silenzio spezzato dal rimbombo delle parole antiche laddove non occorreva, ai più, dover attingere alla fonte dell’amore per poter ascoltare. Ci accalchiamo, come un’inferocita massa, tra popoli senza nessuna dignità, persi nel collettivo disfacimento dei valori non solo umani, e rendiamo il nostro plauso alla perversione. Forse dovremmo accettare che, dal sovrastante dolore, solo l’alveo della luce ci dona fede e ci restituisce alla redenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…

Nell’urna spalancata dai cieli dei miei fenomeni

Vivo sepolto nel sorriso degli angeli e, a convissuto etere, la mia provvisorietà si eleva in te, regno che tutto…

Al silenzio coniugato

Fervo. Di quest’ora immota è l’infinità che brilla sul pentagramma dell’uomo al silenzio coniugato.