Come il sorriso di Colei che sfocia nell’Eterno

La tua mano incede nella mia,
su di me si posa con il suo vigore,
la sua forza, la sua tenerezza,
al pari del tuo Spirito,
Padre mio,
che hai liberato il misero e
sollevato dall’oppressione il povero,
che hai avuto compassione per il debole
e guarito i malati rinnovandoli.
Beato chi confida in te.
Come il mandorlo d’oriente
che nessun giardino svezza
se non il favore del vento
così sarà costui,
perché al tuo seno casto
si disseterà con l’acqua viva della tua gloria.
E ancor più beato
sarà colui che ti teme, mio Signore,
poiché non vedrà la fine dei suoi giorni
ma la bella facce tua
riposare nell’aurora dei suoi occhi e,
trasfigurato per l’amore perfetto,
possederà il tuo Regno al posto del suo cuore
sulla terra dei redenti
prima d’ascendere a te,
per la più intima comunione del Figlio e con lo Spirito,
come il sorriso di Colei che sfocia, da sempre, nell’Eterno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Perfino i cieli tremano

Vorremmo affermare forse l’inascoltato, indi porgerlo presso l’inaudito e revocarne, infine, la sua giustizia sempre più pretesa dai clamori dei…

Il tacere, a nome dei tanti

Il tacere, a nome dei tanti. Poiché non destammo le mattutine stelle dalla matrice dell’alba, quale sogno credibile al sogno,…

In diramazioni coercitive di spiacevoli masse

Non una realtà inconsapevole né multiformi dimensioni distratte ebbero piacere nell’abitarvi, uomini. E se ad offuscarsi come smorte candele furono…

Tu spargi fiori abbrividendo mondi

E nei tuoi occhi ci scavalca così - premurosa, meglio forse non pensarla - l’idea dei nostri anni, che lungo…