A cosa servono le teorie, le realtà prossime o immediate

A cosa servono le teorie,
le realtà prossime o immediate,
se questa nostra scienza,
impaziente di domare le complessità
delle cose antiche e nuove,
è la bella primogenita
che da sapore all’incolore
nel deserto della intuizione
pronto ad essere arato
per l’ultima natività
della creazione inversa?
Eppure occorrono,
come il vento che sperde la pula
proprio nel deserto florido
abitato da noi, bestie selvatiche,
impercettibili creature
troppo spesso meravigliate
in un contesto più raro,
più ampio, non per altro purificate,
alcune, come l’oro, l’argento e il rame,
passate per il crogiuolo
di quel cedro ben piantato,
saldo, tra le rovine delle tentazioni.
Dunque servono per servire,
con l’aratro posto su terra arida
dove il cammello pascola con la sete altrui
e l’auto-implosione del tempo
è autorizzata, nella cruna della scrittura,
dal concetto inviolato e universale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…

Nell’urna spalancata dai cieli dei miei fenomeni

Vivo sepolto nel sorriso degli angeli e, a convissuto etere, la mia provvisorietà si eleva in te, regno che tutto…

Al silenzio coniugato

Fervo. Di quest’ora immota è l’infinità che brilla sul pentagramma dell’uomo al silenzio coniugato.