A cercarti. A trovarti.

A cercarti. A trovarti.
In questo siamo annunciati dall’iniziazione del tuo spirito che albeggia dentro noi e da colei che hai posto come corona di tutte le generazioni. E se siamo annunciati, dunque, siamo al modo stesso annunciatori di quella parola di vita che in noi s’è manifestata attraverso l’ombra che ha coperto l’afflato tuo nell’infinito utero dell’unione, padre che della conoscenza ci hai voluti particola intatta di quest’amore universale, arcana sostanza dell’anelito epifenomenico reso nella sua creazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce. In balìa della stagione, il vento suo, è la tempesta in fasce…

L’infanzia, talvolta

L’infanzia, talvolta, prevede un solo istante: essere.

Eccezione

Povero quell’uomo che possiede la violenza negli occhi e che la subisce. Io vi dico che ha già ricevuto la…

Gioia. Quale e quanta quando avanzasti nell’anima mia

Gioia. Quale e quanta quando avanzasti nell’anima mia, finanche nella mia carne, senza crear scompenso invano. Già, io che da…