Come fanciulli seduti al posto loro

«Ma a chi paragonerò io questa generazione?
Essa è simile a quei fanciulli seduti sulle piazze
che si rivolgono agli altri compagni e dicono:
Vi abbiamo suonato il flauto e non avete ballato,
abbiamo cantato un lamento e non avete pianto.»

(Mt 11, 16-17)
~
Niente di possibile.
Questa la prima sensazione,
l’ultimo pensiero alla deriva.
Come fanciulli seduti al posto loro,
in chissà quale trambusto di non gioco,
si dimenano i fatti, i segni ed ogni tempo
che soddisfino in pieno tutte le regole
nella loro manifesta ragione.
La sorpresa guarderà disciplinata
e severa negli occhi di ogni adulto quando,
a luci ormai spente, sepolte,
il giudizio emergerà con duttile sapienza
e la giustizia seguirà il suo letto d’acqua,
verso la foce delle promesse più feconde,
poco prima che il nuovo doni vita alla vita
e mari e cieli batteranno mani e canteranno
come fanciulli seduti al posto loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Nella esecuzione sprovveduta del censurato non essere

Troppa modernità. L’allegria non è più un vezzo degli uomini sempre più sorpresi dalle pochezze dei loro simili, i se…

In concentrati di gradualità eteree

Dei sistemi agglomerati e massimi lo sfinimento. Non basterà più l’aggiunta di valori affini all’estremismo quantico nelle dinamiche dei moti…

In fraudolente pause d’insonnia

In fraudolente pause d’insonnia la vita e la morte proseguono i loro disanimati comizi entrambe imputate ad indagare su chi,…

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi, le ombre dal precipizio immoto completano il rigurgito del mattino. Stelle, astri senza…