Come fanciulli seduti al posto loro

«Ma a chi paragonerò io questa generazione?
Essa è simile a quei fanciulli seduti sulle piazze
che si rivolgono agli altri compagni e dicono:
Vi abbiamo suonato il flauto e non avete ballato,
abbiamo cantato un lamento e non avete pianto.»

(Mt 11, 16-17)
~
Niente di possibile.
Questa la prima sensazione,
l’ultimo pensiero alla deriva.
Come fanciulli seduti al posto loro,
in chissà quale trambusto di non gioco,
si dimenano i fatti, i segni ed ogni tempo
che soddisfino in pieno tutte le regole
nella loro manifesta ragione.
La sorpresa guarderà disciplinata
e severa negli occhi di ogni adulto quando,
a luci ormai spente, sepolte,
il giudizio emergerà con duttile sapienza
e la giustizia seguirà il suo letto d’acqua,
verso la foce delle promesse più feconde,
poco prima che il nuovo doni vita alla vita
e mari e cieli batteranno mani e canteranno
come fanciulli seduti al posto loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…

Nell’urna spalancata dai cieli dei miei fenomeni

Vivo sepolto nel sorriso degli angeli e, a convissuto etere, la mia provvisorietà si eleva in te, regno che tutto…

Al silenzio coniugato

Fervo. Di quest’ora immota è l’infinità che brilla sul pentagramma dell’uomo al silenzio coniugato.