Rapimento di Elia

Attraverso le sembianze degli uomini furioso e paterno ne oltrepassai ogni limite. Issato il mio spirito con deificata potenza collocai le mie prime ossa nel sudario dell’aria quando la brezza settembrina baciò la totalità del mio corpo spalancando per me i sepolcri dei cieli. Ho portato con me il mistero della fiamma e del vento, dell’acqua e della terra, ed il fenomenale circuito della redenzione s’è srotolato ai miei millenni, libri senza pagine per ogni generazione dai sensi schiusi. Che la Madre del Carmelo, approvando appieno il mio stillato sentimento, mi accolga come rugiada sul suo volto che impresso tra queste dissimili voci mai lascerà i miei occhi né questo cuore che brilla soltanto davanti al suo nome.


(Alla Beata Vergine Maria, Madre, Fiore e Decoro del Carmelo)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Perfino i cieli tremano

Vorremmo affermare forse l’inascoltato, indi porgerlo presso l’inaudito e revocarne, infine, la sua giustizia sempre più pretesa dai clamori dei…

Il tacere, a nome dei tanti

Il tacere, a nome dei tanti. Poiché non destammo le mattutine stelle dalla matrice dell’alba, quale sogno credibile al sogno,…

In diramazioni coercitive di spiacevoli masse

Non una realtà inconsapevole né multiformi dimensioni distratte ebbero piacere nell’abitarvi, uomini. E se ad offuscarsi come smorte candele furono…

Tu spargi fiori abbrividendo mondi

E nei tuoi occhi ci scavalca così - premurosa, meglio forse non pensarla - l’idea dei nostri anni, che lungo…