Poiché il mandorlo sarà trascurato tra i suoi rami

(Ger 1, 11-14)

Pioveranno giorni, tra noi,
poiché il mandorlo sarà trascurato tra i suoi rami
quando la locusta ed il miele brilleranno
nella pentola bollita verso il fare del settentrione.

Pioveranno obbrobri, tra noi,
poiché le madri si svuoteranno delle loro vedovanze
quando i figli ed i figli dei loro figli
s’imbastardiranno voltando viso e spalle al cielo.

Pioveranno lacrime, tra noi,
poiché la superbia monterà ogni tentacolo del potere
quando le nazioni dimentiche delle proprie origini
infieriranno sino alla morte dei diritti dell’uomo.

Quando questo accadrà
il vostro cuore non sia toccato da alcun turbamento;
occorre, infatti, che tutti questi avvenimenti si compiano
affinché il sangue si lavi, fino in fondo, della stessa scrittura.

Levate il vostro sguardo in alto, dunque,
asciugate il corpo, in prestito, da ogni pesantezza insana,
amate l’anima che vi dimora con ogni riguardo paterno
e senza più fermarvi correte verso il traguardo promesso.

Ecco i giorni, gli obbrobri, le lacrime.
Io vi dico che piovono già da sempre!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Il riverbero del verbo

Dell’interiore balbuzie della coscienza d’amare noi siamo partecipi e custodi. Infatti, se le viscere della conoscenza talvolta si contorcono per…

Poiché stillarono fango con le palpebre al cielo

Aprirò la mia bocca in parabole, proclamerò cose nascoste fin dalla fondazione del mondo. (Mt 13, 35) Egli disse: «Va'…

Dispersi come una nidiata di fragili conferme

«Allora Gesù disse loro: “Voi tutti vi scandalizzerete per causa mia in questa notte. Sta scritto infatti: Percuoterò il pastore…

Ciò che d’infinito migrante scompensa l’essere

Mano d’uomo potrebbe tratteggiare meglio ciò che d’infinito migrante scompensa l’essere, in simbologia di sette nuove piaghe, nel cervello della…