L’amore del Signore consacra

Il Signore mi ha spalancato il cuore
all’iniziativa del nuovo giorno,
ha educato i miei passi
affinché siano istruiti nella calura,
ha reso agili e forti le mie braccia
pronte alla difesa e al combattimento.
Ecco. Ho chiesto aiuto
ed Egli mi ha subito ascoltato,
nonostante io sia immerso nella colpa
dalla freccia che vibra mi ha protetto,
ero quasi caduto nella fossa
quando già nel suo sorriso riposavo.
Osserva i miei anni uno dopo l’altro
liberandomi dai limiti dei loro occhi,
mi lascia vacillare nella prova
perché ama amarmi nella correzione,
col nome che mi culla Egli mi chiama
poiché nel seno della Madre sono nato.
Abbiate timore nel Signore
e non affliggetevi né di notte né di giorno,
la vostra forza sia nel suo amore
e la speranza riponete nella sua misericordia,
il vostro coraggio non venga mai meno
ricordandovi della sua santa alleanza.
Poiché da miseri che eravamo
ci ha elevati al mistero del Figlio,
dalla polvere ci ha plasmati
per renderci uomini liberi,
e non si dimenticherà dei nostri nomi
perché scritti nel libro della Vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce. In balìa della stagione, il vento suo, è la tempesta in fasce…

L’infanzia, talvolta

L’infanzia, talvolta, prevede un solo istante: essere.

Eccezione

Povero quell’uomo che possiede la violenza negli occhi e che la subisce. Io vi dico che ha già ricevuto la…

Gioia. Quale e quanta quando avanzasti nell’anima mia

Gioia. Quale e quanta quando avanzasti nell’anima mia, finanche nella mia carne, senza crear scompenso invano. Già, io che da…