Nella prossimità dell’alba

«Ora l’anima mia è turbata; e che devo dire? Padre, salvami da quest’ora? Ma per questo sono giunto a quest’ora!»(Gv 12, 27)

Sono intorno al buio, una necessità proclamata all’unisono dai cieli baciati dai cieli. Che cosa potrei fare, cosa dire e a chi se ho tanto amato da desiderare questo collasso emotivo abnorme che già mi pervade, che ovunque mi percuote, sin da principio, quando l’ombra del mio respiro non aveva necessità d’essere in quanto luce di luce, alveo, questa, della mia sostanza ingenerata? Cosa, dunque, dovrei respingere se la mia volontà è come un soffio che si espande docilmente dalla natura tutta del mio essere uomo al tuo silente afflato, alle tue carezze disperate, io che già temo e muoio proprio in quel respiro che non è più mio, adesso, ma del mondo tutto che abbraccio, con indicibile pietà, nella prossimità dell’alba?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Nella esecuzione sprovveduta del censurato non essere

Troppa modernità. L’allegria non è più un vezzo degli uomini sempre più sorpresi dalle pochezze dei loro simili, i se…

In concentrati di gradualità eteree

Dei sistemi agglomerati e massimi lo sfinimento. Non basterà più l’aggiunta di valori affini all’estremismo quantico nelle dinamiche dei moti…

In fraudolente pause d’insonnia

In fraudolente pause d’insonnia la vita e la morte proseguono i loro disanimati comizi entrambe imputate ad indagare su chi,…

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi, le ombre dal precipizio immoto completano il rigurgito del mattino. Stelle, astri senza…