Nella mia germogliata domenica

(Natale del Signore)

La rosa che mi trapassa,
della mia vendemmia frutto,
io canto,
nella mia germogliata domenica
preparata per tutte le nazioni.

Abbiatene timore,
non accostatevi ad essa
senza esservi purificati occhi e cuore,
mani e bocca, poiché la sua spina
è unta dalla mia stessa parola.

Una voce adesso canta;
il mio diletto ai poveri libera la via,
prepara il ristoro agli oppressi,
a chi non vede ridona la vista
e fa camminare gli storpi.

Spalancate le porte del cielo al re,
allargate le sponde del mare,
e apriti o terra, placida:
il mio virgulto goccerà d’amore
portando con sé la spada della giustizia.

Oggi soccomberà ogni tristezza
e qualsiasi violenza sarà condannata,
poiché la vita è spuntata come un frutto,
il figlio della mia vendemmia,
e la rosa che mi trapassa io canto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…

Nell’urna spalancata dai cieli dei miei fenomeni

Vivo sepolto nel sorriso degli angeli e, a convissuto etere, la mia provvisorietà si eleva in te, regno che tutto…

Al silenzio coniugato

Fervo. Di quest’ora immota è l’infinità che brilla sul pentagramma dell’uomo al silenzio coniugato.