Nel canto del Padre

La terra non è più distante dal cielo. Stilla dall’alto, Tu che ti sei degnato di non denudare i palmi delle mani del tuo Servo e Signore, dell’atteso tuo Consacrato. Sì, perché a Te così è piaciuto. La Vergine ha partorito per il soffio delle tue narici e magnificandoti ha trasfigurato l’intero creato. Ciò che ci tolse la madre degli uomini ci è stato ridato per mezzo della Madre del nostro Signore, e lì dove abbondò il male, per volere dello stesso male, sovrabbondò la grazia, e il Vessillo dei popoli divenne pupilla della Sua misericordia. Ancora un poco e la terra non conoscerà più distanza dal cielo poiché, stillando dall’alto, saremo la sua bella nuvola e il suo Regno si compiacerà in noi che ci consoleremo nel canto del Padre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…

Nell’urna spalancata dai cieli dei miei fenomeni

Vivo sepolto nel sorriso degli angeli e, a convissuto etere, la mia provvisorietà si eleva in te, regno che tutto…

Al silenzio coniugato

Fervo. Di quest’ora immota è l’infinità che brilla sul pentagramma dell’uomo al silenzio coniugato.