Melchisedek

Nell’abitudine del niente, solo, abbacinato al marmo stabile di un’ombra parallela, esercitare il sacro dominio come mai nessuno. Né storia né eventi databili hanno previsto la sua glorificazione, la sua leggenda immortale. Tant’è che poco se ne deve parlare poiché così conviene che accada. Finché il Verbo adempì quello che la scrittura volle per Egli e fu solo giorno per quell’uomo cresciuto nel sacro rituale dominato dalle sue opere, dai suoi segni e soprattutto dai suoi sacrifici. Il suo nome è il più alto tra quello dei sacerdoti. Solamente il Cristo, essendo di natura divina, nella sua somiglianza ha esercitato lo stesso sommo esercizio per opera del Padre. Del Figlio è stato scritto infatti: “Tu sei sacerdote per sempre al modo di Melchisedek” da Davide, nell’Oracolo del Signore al mio Signore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

In diramazioni coercitive di spiacevoli masse

Non una realtà inconsapevole né multiformi dimensioni distratte ebbero piacere nell’abitarvi, uomini. E se ad offuscarsi come smorte candele furono…

Tu spargi fiori abbrividendo mondi

E nei tuoi occhi ci scavalca così - premurosa, meglio forse non pensarla - l’idea dei nostri anni, che lungo…

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…