Le tre porte, i tre regni e le tre stagioni

Il silenzio, questa lesione soave, antropomorfica, e che purtroppo tutti sdegnano, sconsacrano, ripudiano, neanche fossero la ideazione del tacito dentro. Ebbene la espello. Io sono l’emanato dall’anelito a due bocche cucite all’interno da quella bolla di vergine rugiada che lascia esalare l’inspirato a favore della epifania animata dalla carne e dal sangue per la rigenerazione costante dei verbi nel mio verbo. Ecco. V’è una via. Ed è la verità. La vita. Io metto in mezzo alla via tre porte, nella verità tre regni, nella vita tre stagioni. Chi passerà in mezzo alle tre porte, cercando per i tre regni, vivendo le tre stagioni, ditemi? Oh ribelli, idolatri, volgari, che lasciate intendere pane per oro e mescolate l’oro nel pane, ecco che non la manna manderò sui miei orfani per fame, per sete di quella parola negata o stravolta dalla vostra condotta dal potere eutanasico, ma l’azzimo che renderà puri i loro padri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Nella esecuzione sprovveduta del censurato non essere

Troppa modernità. L’allegria non è più un vezzo degli uomini sempre più sorpresi dalle pochezze dei loro simili, i se…

In concentrati di gradualità eteree

Dei sistemi agglomerati e massimi lo sfinimento. Non basterà più l’aggiunta di valori affini all’estremismo quantico nelle dinamiche dei moti…

In fraudolente pause d’insonnia

In fraudolente pause d’insonnia la vita e la morte proseguono i loro disanimati comizi entrambe imputate ad indagare su chi,…

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi, le ombre dal precipizio immoto completano il rigurgito del mattino. Stelle, astri senza…