La Trasfigurazione (Trasmissione del Verbo)

Mi trovavo presso lo spazio-tempo del sé quando l’immoto si accasciò in me, deflagrando quanto attorno m’accadeva nel mio animo e lasciando della mia coscienza un remoto controllo di un sillabare contratto tra cervello e cervelletto. Fui replicato nella memoria e ciò che mi accadde ancora non è materia né frutto del mio possesso. Chiamato a innervarmi nella nuvolaglia niente avvolse lo sdoppiamento dei secoli, poiché ero io il declinare, l’avvicendarsi e il popolarsi d’essi. Lapislazzuli delle menti, trasceso nella recondita essenza della trasmissione del Verbo ed evoluto nella sua Trasfigurazione, ebbi da non emettere alcun suono mentre discorrevo con me stesso, l’altro e il medesimo di essi. Con lo spirito intarsiato dal bisturi celeste lavai con lacrime candide le vesti e lasciai di lì a poco una visione per i prossimi antenati, doppiati fino alla deframmentazione dell’attimo attuale da centinaia di creature preposte all’ascolto del mistero. In me, accovacciata, risiedeva l’acqua sottomessa del Mar Rosso, l’acqua dei cieli sul Carmelo e l’acqua delle sponde asciutte del Giordano. L’improvviso colse il provvido impreparato e il divenire divenne mutevolezza che non muta sostenendo ciò che tutto sostiene in fervidi e appassionati pulsioni vitali di pulsazioni sterminate nell’ingresso del vasto io sono anticipato dai noi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…

Nell’urna spalancata dai cieli dei miei fenomeni

Vivo sepolto nel sorriso degli angeli e, a convissuto etere, la mia provvisorietà si eleva in te, regno che tutto…

Al silenzio coniugato

Fervo. Di quest’ora immota è l’infinità che brilla sul pentagramma dell’uomo al silenzio coniugato.