Sulla libertà

La libertà opprime solo i potenti, chi si bea del suo peccato e chi gode per quello altrui.

La libertà non appartiene ad alcun merito.

Luogo, tempo, dono. Queste le tre dimore della libertà.

Chi considera la libertà come un seme da piantare su terreno ispido e insidioso ne raccoglierà presto il suo frutto.

La libertà comincia e non finisce.

C’è chi si crede prigioniero e chi si sente libero. La libertà preferirà senz’alcun dubbio colui che crede.

La vita è una possibilità per guadagnare la vita vera. Chi ricerca la libertà con fedele lealtà compie ogni giorno un passo verso l’eternità.

I miei occhi hanno visto uomini perdere la libertà spettante al patibolo dell’altrui eredità.

La libertà è il digiuno degli umili e dei poveri in spirito.

Si confà più la sottomissione che l’arbitrio alla libertà.

Figlio mio, ama la libertà come si ama la propria moglie e riveriscila come fosse una madre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce. In balìa della stagione, il vento suo, è la tempesta in fasce…

L’infanzia, talvolta

L’infanzia, talvolta, prevede un solo istante: essere.

Eccezione

Povero quell’uomo che possiede la violenza negli occhi e che la subisce. Io vi dico che ha già ricevuto la…

Gioia. Quale e quanta quando avanzasti nell’anima mia

Gioia. Quale e quanta quando avanzasti nell’anima mia, finanche nella mia carne, senza crear scompenso invano. Già, io che da…