L’estremità consustanziale del tuo alternato essermi

La fanciullezza, questo rito che va ripetendosi da creatura in creatura senza che spazio la sovrasti, giacché essa ne occupa la propria dimora, in una veglia vergine, perenne, per quanto concerne il taglio abbagliante di ciò che l’uomo intende come sostanza e tempo di un amplesso interminato che avvolge quanto di più semplice e puro possa esistere: l’innocenza. O istante trasformato in sintesi della veggenza, fiore trasalito alle azzurrità che non ancora ci appartengono, quel tanto che ancora trattiene quest’attesa presenza equivale all’esatto dividerla per l’estremità consustanziale del tuo alternato essermi. Se amore s’immola io sono nella sua stessa salvezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

In diramazioni coercitive di spiacevoli masse

Non una realtà inconsapevole né multiformi dimensioni distratte ebbero piacere nell’abitarvi, uomini. E se ad offuscarsi come smorte candele furono…

Tu spargi fiori abbrividendo mondi

E nei tuoi occhi ci scavalca così - premurosa, meglio forse non pensarla - l’idea dei nostri anni, che lungo…

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…