La musica lascerà spazi di parole a quell’amore

(Ap 21, 1-5)

Chi si manifesterà dietro l’orizzonte delle nostre parole e quale pensiero esso effonderà per incarnare nel seno dell’aurora l’alfabeto compiuto della temuta salvezza? Il nostro silenzio si trasmuterà in un andare. Il nostro pensiero si tradurrà forse in un ritorno? Che tutte le stagioni passate diverranno come cose vecchie, chi lo invererà tutto questo? E le cose nuove, promesse da chi ha posto l’essere in essere alle stagioni, quali orizzonti succederanno? No. Non avranno più mare i nostri occhi, non conosceranno più lutti le tenebre. Saremo pronti come una sposa che ascolta farsi sempre più vicino il canto dell’amato quando, a cielo a cielo, la musica lascerà spazi di parole a quell’amore che c’incarnerà nell’Uno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

In diramazioni coercitive di spiacevoli masse

Non una realtà inconsapevole né multiformi dimensioni distratte ebbero piacere nell’abitarvi, uomini. E se ad offuscarsi come smorte candele furono…

Tu spargi fiori abbrividendo mondi

E nei tuoi occhi ci scavalca così - premurosa, meglio forse non pensarla - l’idea dei nostri anni, che lungo…

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…