La luce, il fuoco, il calore

Presto soffierai su questa marcia candela che definiamo notte e con gli occhi del mondo la spegnerai prima che il suo calore bissi la sostanza dei fenomeni. Il fuoco dimostrerà, di là del buio, l’apice della sua volontaria nullezza nel dolore ininterrotto della sua meridiana e in blocchi di presente scoloriti per l’altrove rinnoverai nell’umana nebbia il bacio che mai conobbe mutazione. Resterà la luce, quel mistero complementare che aleggia sull’uno e trino amore principiato nel perfetto, ad indicare all’infinito espanso la via dei viventi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Nella esecuzione sprovveduta del censurato non essere

Troppa modernità. L’allegria non è più un vezzo degli uomini sempre più sorpresi dalle pochezze dei loro simili, i se…

In concentrati di gradualità eteree

Dei sistemi agglomerati e massimi lo sfinimento. Non basterà più l’aggiunta di valori affini all’estremismo quantico nelle dinamiche dei moti…

In fraudolente pause d’insonnia

In fraudolente pause d’insonnia la vita e la morte proseguono i loro disanimati comizi entrambe imputate ad indagare su chi,…

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi, le ombre dal precipizio immoto completano il rigurgito del mattino. Stelle, astri senza…