Equazione di stabilità

Stamane mi si è impresso uno stanco silenzio tra le labbra, un sigillo che dell’anima mia è linfa ed equazione di stabilità. Le mie membra eseguono il pentagramma della dicotomia in simbiosi eterea con il vertice del respiro, lì dove posa la mia parola. E a nulla io tendo lo sguardo. Le mie pupille non sono altro che la trasposizione in divenire del moto sospeso di un elevato spazio dell’attimo per le infinite durate di pure visioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce. In balìa della stagione, il vento suo, è la tempesta in fasce…

L’infanzia, talvolta

L’infanzia, talvolta, prevede un solo istante: essere.

Eccezione

Povero quell’uomo che possiede la violenza negli occhi e che la subisce. Io vi dico che ha già ricevuto la…

Gioia. Quale e quanta quando avanzasti nell’anima mia

Gioia. Quale e quanta quando avanzasti nell’anima mia, finanche nella mia carne, senza crear scompenso invano. Già, io che da…