Sulla violenza

Chi utilizza la violenza è sempre un condannato.

Se perpetrata dal governo di un paese, da uno stato, quanto più questo infierisce tanto più, gratuitamente, nulla gli sarà mai condonato.

La forma più vile che un uomo possa utilizzare per socializzare con altri esseri è indubbiamente la violenza.

Una relazione stabilita sotto il dominio della violenza e approvata da qualsiasi umana legge è dapprincipio maledetta.

La violenza è sempre un atto. Altrove il giudizio, altrove il bisogno.

Quando più persone o più paesi creano una o più coalizioni atte a pervenire al potere, si previene la volontà delle persone e dei popoli.

Non sempre occorre la violenza per essere violentati.

La mente, il corpo, l’essere dunque un essere in quanto tale, dovrebbe essere tutelato sempre dal diritto che fonda la sua causa per il bene totale e mai definitivo di tutto ciò che concorre all’armonia universale. Tanto costa la sua violenza.

Quando piange un bambino per mano dell’uomo, il Cielo è l’unica manifestazione autorizzata con la Terra a far violenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Per originare la domenica

Oh, follia degli eventi! Pochezza di ogni perduto istante. Sono giorni, questi, dove perfino il vetro suole respirare l’inzolfata aria…

Nell’irripetibile desiderio di esistere

Bisogna che tutto abbia un termine nell’irripetibile desiderio di esistere. Soltanto chi comprende l’esatta misura del soffio vitale viene attratto…

Per tanto amore incarnato

«Riverserò sopra la casa di Davide e sopra gli abitanti di Gerusalemme uno spirito di grazia e di consolazione: guarderanno…

Quanto più la gloria è matrigna degli uomini

Guarda: centinaia, migliaia di corpi che si muovono al suono del progresso, al tempo del corno. Alito smorto di un…