Lo scriva il bacio disteso nel suo afflato amanuense

Uscite dal vostro sonno di carta,
alzatevi da quelle sedie slavate da una smorta storia
e non lasciatevi ingannare da voi stessi
quando l’importanza di sentirsi grandi
sminuirà la vostra coscienza rendendola una zolla di panna.
E prima di sorridere, prendere la parola o alzare il dito,
ricordatevi che la giustizia prevale perfino sul diritto
e che il diritto prevarrà per sempre sul potere.
Ecco. Lo scriva il bacio disteso nel suo afflato amanuense.
Verranno giorni, chi vuole ascoltare lo faccia,
in cui gli stessi giorni non apparterranno al mondo,
parole che nemmeno il garbo vi lascerà sollevare il capo,
finché i lamenti dei bimbi e dei più deboli avranno fine
compiendosi nelle stagioni alterne della rugiada.
Aizzate le tempeste della pace, dunque,
poiché, in quel tempo, ultima sarà la pace
ad essere squarciata dalla furia dell’alba.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…

Nell’urna spalancata dai cieli dei miei fenomeni

Vivo sepolto nel sorriso degli angeli e, a convissuto etere, la mia provvisorietà si eleva in te, regno che tutto…

Al silenzio coniugato

Fervo. Di quest’ora immota è l’infinità che brilla sul pentagramma dell’uomo al silenzio coniugato.