Il cantico di Gerusalemme

Ancora un po’
e sarà giorno, appena.
Un Sole di giustizia
verrà dall’alto per visitarci,
per imprimere speranza
nei nostri cuori,
effondere alle anime
la supremazia della carità
e alla fede misericordia.
Luce per illuminare
le genti,
dal suo castissimo seno
stillerà acqua viva, limpida,
come promesso
ai nostri padri
e tra cielo e terra
si spalancherà per l’uomo
la sua nuova Dimora.
Vi vivranno i giusti,
verità, gioia e letizia
saranno le messaggere
dello stesso Agnello
che preparerà le sue nozze
con l’amata sua, la dilettissima sposa.
Nel cantico degli amanti
si adorneranno le tue mura,
o Gerusalemme, domenica di pace,
e la Vita albeggerà nei loro nomi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

In diramazioni coercitive di spiacevoli masse

Non una realtà inconsapevole né multiformi dimensioni distratte ebbero piacere nell’abitarvi, uomini. E se ad offuscarsi come smorte candele furono…

Tu spargi fiori abbrividendo mondi

E nei tuoi occhi ci scavalca così - premurosa, meglio forse non pensarla - l’idea dei nostri anni, che lungo…

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…