Voi comprendeste del dubbio la voce

Voi comprendeste del dubbio
la voce, il perplesso fugare
divenne in ognuno empietà.
Ma quando il dolore
tocca la misera non solo altrui
ecco allora vibrare le corde
dell’assenza nel cuore,
quello stesso organo che
ad ogni momento reca linfa,
vita e soffio ad ogni creatura.
Così affibbiaste il vostro delitto
sulle spalle altrui che si piegarono,
per tanta violenza, per tal disonore,
dinanzi al volto che pace recò
a quelle anime patite nell’innocenza
e che ai piedi dell’unica verità
la loro solida fiducia, esse, riposero.
Quanta consolazione donata
per tanta crudeltà subita,
quale ristoro accresciuto
verso tanta oppressione.
La giustizia fece un tributo
a sé stessa rendendo le vostre menti
un’immensa valle sterile,
atrofizzata per tanta desolazione.
Sì. Voi comprendeste del dubbio
la voce, ma il suo perplesso fugare
alimentò, in ognuno, un aberrante dolore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Nella esecuzione sprovveduta del censurato non essere

Troppa modernità. L’allegria non è più un vezzo degli uomini sempre più sorpresi dalle pochezze dei loro simili, i se…

In concentrati di gradualità eteree

Dei sistemi agglomerati e massimi lo sfinimento. Non basterà più l’aggiunta di valori affini all’estremismo quantico nelle dinamiche dei moti…

In fraudolente pause d’insonnia

In fraudolente pause d’insonnia la vita e la morte proseguono i loro disanimati comizi entrambe imputate ad indagare su chi,…

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi, le ombre dal precipizio immoto completano il rigurgito del mattino. Stelle, astri senza…