Voi comprendeste del dubbio la voce

Voi comprendeste del dubbio
la voce, il perplesso fugare
divenne in ognuno empietà.
Ma quando il dolore
tocca la misera non solo altrui
ecco allora vibrare le corde
dell’assenza nel cuore,
quello stesso organo che
ad ogni momento reca linfa,
vita e soffio ad ogni creatura.
Così affibbiaste il vostro delitto
sulle spalle altrui che si piegarono,
per tanta violenza, per tal disonore,
dinanzi al volto che pace recò
a quelle anime patite nell’innocenza
e che ai piedi dell’unica verità
la loro solida fiducia, esse, riposero.
Quanta consolazione donata
per tanta crudeltà subita,
quale ristoro accresciuto
verso tanta oppressione.
La giustizia fece un tributo
a sé stessa rendendo le vostre menti
un’immensa valle sterile,
atrofizzata per tanta desolazione.
Sì. Voi comprendeste del dubbio
la voce, ma il suo perplesso fugare
alimentò, in ognuno, un aberrante dolore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Pietre bruciavano gli orizzonti dei miei occhi

(La conversione di San Paolo Apostolo) Pietre bruciavano gli orizzonti dei miei occhi. Io, che di fondamentale nutrivo il mio…

Nulla è più temibile del paese

Nulla è più temibile del paese che non doma le proprie città, introdotte nel sonno artificiale scomposto per la tormenta…

A sfavore dell’ipnagogico indotto

Del nulla, l’idea graffiata con ardore selvaggio dal pensiero, sottomesso all’asfissia gravitazionale conseguita da una qualche logica dell’intuito e del…

Declina, la notte, nella culla dei tuoi pensieri

Declina, la notte, nella culla dei tuoi pensieri, quando l’impensabile si colma per l’adulta nascita e, abbandonato al suo stesso…