Verrà, del primaverile profumo

Verrà, del primaverile profumo, lo scotto, la consultazione della messe resa impropria dall’operaio più sbadato, occhi pugnalati tra la molteplicità dei sorrisi più vili dal sopruso infingardo, e non vi sarà nemmeno il tempo di lacrimare sangue quando l’unica speranza insepolta chiamerà molti ad esser uomini per dimenticare il buio vivo nell’urlo della notte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce. In balìa della stagione, il vento suo, è la tempesta in fasce…

L’infanzia, talvolta

L’infanzia, talvolta, prevede un solo istante: essere.

Eccezione

Povero quell’uomo che possiede la violenza negli occhi e che la subisce. Io vi dico che ha già ricevuto la…

Gioia. Quale e quanta quando avanzasti nell’anima mia

Gioia. Quale e quanta quando avanzasti nell’anima mia, finanche nella mia carne, senza crear scompenso invano. Già, io che da…