Tu che hai disvelato il tuo mistero ai miei occhi

Il tuo viso placato sul mio attinge a quell’intimo tacere ove la parola non si lascia osservare dal pensiero per sovvenire ad un’unione longeva e mirabile, lontana dal frastuono che un mondo tutto ricoperto di fango e argilla e avvolto del suo sempre identico sé comporta, inevitabile, come la scure che si abbatte senza mai scindersi sull’affanno di chi reca scandalo e male. Altro non dovrei sperare nella mia pacifica condizione e nel contempo sì misera che mi porta da umanità ad umanità sulla preformazione dell’essere. Ma tu, tu che hai disvelato il tuo mistero ai miei occhi, li abbrividi e mi rinnovi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Per originare la domenica

Oh, follia degli eventi! Pochezza di ogni perduto istante. Sono giorni, questi, dove perfino il vetro suole respirare l’inzolfata aria…

Nell’irripetibile desiderio di esistere

Bisogna che tutto abbia un termine nell’irripetibile desiderio di esistere. Soltanto chi comprende l’esatta misura del soffio vitale viene attratto…

Per tanto amore incarnato

«Riverserò sopra la casa di Davide e sopra gli abitanti di Gerusalemme uno spirito di grazia e di consolazione: guarderanno…

Quanto più la gloria è matrigna degli uomini

Guarda: centinaia, migliaia di corpi che si muovono al suono del progresso, al tempo del corno. Alito smorto di un…