Talvolta divengo il paese di sconosciuti esistere

Abito dimensioni delle quali sei il nervo che mi scuote, come i duplici pensieri che tendono alla nostra unione, alla primula bianca della medesima genesi. Così talvolta, creato a immagine dell’essere, divengo il paese di sconosciuti esistere ove lo scambio della percezione proviene dall’involuzione delle tenebre per intellettive volontà dominatrici. Ed è lo scopo che m’impone il mio vero cibo ad introiettare, nei fiumi del successivo e del suo moto di là trascorso, la natura del presagio, foce ormai matura nelle acque dei tuoi abbracci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Per originare la domenica

Oh, follia degli eventi! Pochezza di ogni perduto istante. Sono giorni, questi, dove perfino il vetro suole respirare l’inzolfata aria…

Nell’irripetibile desiderio di esistere

Bisogna che tutto abbia un termine nell’irripetibile desiderio di esistere. Soltanto chi comprende l’esatta misura del soffio vitale viene attratto…

Per tanto amore incarnato

«Riverserò sopra la casa di Davide e sopra gli abitanti di Gerusalemme uno spirito di grazia e di consolazione: guarderanno…

Quanto più la gloria è matrigna degli uomini

Guarda: centinaia, migliaia di corpi che si muovono al suono del progresso, al tempo del corno. Alito smorto di un…