Quello che in null’altri te giace

Niente si frappone al tuo ricordo,
nessuno può turbare un buon giudizio.
Guarda, desidero anch’io.
Voglio scuoiarmi dalla parola
e liquefare ciò che in me vive,
quello che in null’altri te giace.
Ecco. Desertifico il mio pensiero
nel suo principio e sospiro, e vengo.
Sì, dall’ambiente unificato io vengo
come la variabile della triplicità
nell’aura centrale del tuo spirito
e isolato coi flussi fenomenici
reincarno tutto, nel tutto avvinto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce. In balìa della stagione, il vento suo, è la tempesta in fasce…

L’infanzia, talvolta

L’infanzia, talvolta, prevede un solo istante: essere.

Eccezione

Povero quell’uomo che possiede la violenza negli occhi e che la subisce. Io vi dico che ha già ricevuto la…

Gioia. Quale e quanta quando avanzasti nell’anima mia

Gioia. Quale e quanta quando avanzasti nell’anima mia, finanche nella mia carne, senza crear scompenso invano. Già, io che da…